Impianti GPL - Metano - Officina Benzoni
440
page-template-default,page,page-id-440,edgt-core-1.1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor-ver-1.12, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

Impianti GPL – Metano

Caratteristiche Peculiari del GPL

 

GPL significa Gas Petrolio Liquefatto, sottoprodotto della raffinazione del petrolio greggio, ed è una miscela di gas propano e butano le cui caratteristiche chimiche e fisiche conferiscono alle auto ottime prestazioni in termini di potenza, elasticità e buon funzionamento del motore.

Brucia senza lasciare nel motore residui carboniosi responsabili di un prematuro logoramento, allunga la durata delle candele, delle valvole e dei pistoni e mantiene inaltrerate più a lungo le proprietà dell’olio motore.

I prodotti della sua combustione sono ossidi di carbonio e di azoto ed idrocarburi incombusti in quantità inferiore di benzina e gasolio, mentre non si hanno idrocarburi aromatici, anidride solforosa in quanto non presenti.

 

Come effettuare un rifornimento di GPL

 

Si effettua agganciando l’apposita pistola al bocchettone di carica dell’automezzo, diverso a seconda dei paesi (ad aggancio in Italia, a baionetta in Olanda, tipo ACME per Stati Uniti, Canada, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Austria, Belgio).

Gli impianti prevedono il riempimento dell’80% del serbatoio. Suggeriamo di verificare la corrispondenza del riempimento a tale valore.

 

L’impianto

 

Il gas fluisce dal serbatoio e, percorrendo la tubazione ad alta pressione, passa da una elettrovalvola di intercettazione, chiusa durante il funzionamento a benzina o a vettura spenta, e raggiunge il riduttore-vaporizzatore.

Nel riduttore-vaporizzatore il GPL riscaldato dall’acqua del motore per una perfetta gasificazione, passa dallo stato liquido a quello gassoso e quindi a pressione atmosferica raggiunge un appropriato dispositivo che consente l’immisione del gas nel motore, proporzionale alla richiesta del motore stesso.

Nei più moderni impianti il gas viene inserito nel motore attraverso iniettori posti sul collettore. Inoltre la gestione della carburazione avviene con una centralina che si autotara con quella originale dando così il massimo della regolazione e della qualità di guida.